PRIMITIVAMENTE

 Primitivamente …

Me ne vogl’i’ a campa’ ‘mmiez’a na terra, ‘a parte ‘e Punticiello, Caivano: so’ stufo d”e città, Roma, Milano: quanno voglio fa’ ‘a vita, vaco ‘Acerra. ‘Mmiezo a na terra, sulo, addò se magna cu a crapa, ‘a vacca, o puorco, ‘o pulicino; na casa grezza ‘e tufo, nu lettino, e se risciata l’aria d”a campagna. All’alba ‘o gallo canta, io arapo ll’uocchie e appiso ‘e trave veco ‘o bene ‘e Dio. Mme mengo, jesco fore, sto sul’io e me diverto a sèntere ‘e rranocchie. M’accosto ô puzzo, addò ce sta ‘o mulino: na grossa rota e tutte sicchie attuorno. E ‘o ciucciariello avota, albanno juorno, e ‘o sicchio ‘e reto saglie sempe chino. Scarreca ll’acqua e torna a capa sotto, se jenche e saglie areto cu ll’at’acqua. E ‘o ciucciariello avota e nun se stracqua fino a c’ ‘o sole forte nun l’ha cuotto. Rallenta ‘o passo, va cchiù lenta ‘a rota, cu ‘a capa, ‘e rrecchie appese e ‘a lengua ‘a fora. Se scioscia ‘e mosche ‘a cuollo aizanno ‘a cora, pe’ dinto ‘a gareggiata chiena ‘e lota. Chesto voglio vede’, chesto e nient’ato. Aggio bisogno’ e fa’ na vita santa. N’aucelluzzo ‘nterra ca me canta: senza me ‘ntuletta’, sempe sciambrato. Voglio fa”a corte? ‘a faccio a’ gallenella, spugliato comme sto, comme me trovo. ‘A vaco appriesso, veco addò fa l’uovo, m”o zuco o ‘o faccio fritto ‘int”a tiella. Me voglio fa’ nu bagno? ‘int”a cesterna acqua gelata! e vevo ‘nfaccia ô sicchio. Cu ‘o vino ca se fa, spilo ‘o cavicchio e aggio voglia ‘e campa’ na vita eterna. ‘O parzunale me dà ‘o Ssignuria, ‘o cane ‘e presa ca m’allcca ‘a mano. Niente pultrone, segge né divano: sempe pe’ terra ch’è ‘a passione mia. Distratto, senza leggere giurnale, senza rilorge, calannarie: niente. Comme a ll’antiche, primitivamente. Senza sta civiltà. Vita animale. Cient’anne aggi”a campa’ ‘mmiez’a sta terra: quanno voglio fa’ ‘a vita, vaco ‘Acerra!

Raffaele Viviani

Annunci